Ferrari Challenge Coppa Shell

Round 5. Brno (CZ)

Sabato, 21 luglio - Gara 1.

Mostra altro

GARA 1.  - P3 -

La gara della Coppa Shell si è decisa in partenza, quando Christophe Hurni, con la 488 Challenge del Team Zenit Sion-Lausanne, alla prima curva è riuscito a superare Manuela Gostner (Ineco-MP Racing), autrice della pole position. In seconda fila la sorella Corinna si è invece complicata la corsa da sola anticipando la partenza e finendo per essere penalizzata con un drive-through. Erich Prinoth poco dopo ha superato Eric Cheung (Formula Racing) e si è preso la terza posizione. Per tutta la gara Manuela Gostner ha tenuto sotto pressione Hurni che però non ha sbagliato nulla passando sul traguardo con poco meno di un secondo di vantaggio. Per lo svizzero si tratta della seconda vittoria del 2018, la Gostner festeggia invece la seconda piazza d’onore dell’anno mentre Prinoth torna su un podio che mancava da Silverstone. Cheung, quarto, resta in vetta al campionato.

[Farrari Corse Clienti]

Highlites Gara 1.      2:49

Domenica, 22 luglio - Gara 2.

Mostra altro

GARA 2.  - Pole - P6 - 

Alle 15.30 di domenica è poi stato il momento della Coppa Shell, condizionata pesantemente dalla pioggia. La direzione gara è stata obbligata a far partire il gruppo dietro la Safety Car ma su alcune vetture i team hanno lavorato fin oltre i limiti di tempo consentiti e così per quei piloti è scattata una penalizzazione di 25 secondi. Il grande protagonista di giornata è stato Ernst Kirchmayr con la 488 Challenge del team Baron Motorsport. L’austriaco ha raggiunto e superato il leader del campionato Eric Cheung (Formula Racing) e le vetture di Ineco-MP Racing di Manuela Gostner ed Erich Prinoth, poi entrambi penalizzati. Alla fine Kirchmayr ha preceduto Cheung, che allunga ulteriormente in classifica, e lo specialista del bagnato Vladimir Hladik (Baron Motorsport).enith Sion-Lausanne) e Christian Kinch (Gohm Motorsport BB)

[Farrari Corse Clienti]

Highlites Gara 2.     2:33

Commenti sul week-end:

E' stato un week-end positivo soprattutto sotto l'aspetto tecnico.

Il circuito di Brno si era da subito presentato scivoloso e problematico nella gestione del retrotreno. Abbiamo lavorato sodo e sono convinto che le macchine della MP Racing, alla fine, sono state quelle che avevano i migliori assetti in gara.

Prova ne son state le due Pole Position di sabato ottenuta da Manuela e la mia della domenica in gara 2.

Bellissima e ricca di soddisfazioni per me è stata la gara due della domenica con un passo gara vicino all'asciutto.

Peccato per la pesantissima penalità, peggio di un drive through, inflitta per avere abbassato la macchina in griglia con 3 secondi, dico tre secondi, di ritardo mentre si decideva se partire con le stick oppure con le rain.

          [Erich Prinoth]